Formazione e sostegno alla sanità in Sudan Orientale

per sitoUn nuovo laboratorio informatico per l’Accademia delle professioni sanitarie a Kassala. Dopo le feste per la fine del Ramadan, gli studenti torneranno a studiare e potranno usufruire di un’aula attrezzata con 15 nuovi computer, 3 proiettori e di una libreria virtuale, grazie all’impegno della Cooperazione Italiana e ai fondi dell’Unione Europea. L’intervento è parte delle attività di sostegno all’Accademia previste dal programma europeo per promuovere servizi sanitari di qualità in Sudan Orientale: a Kassala, Gedaref e Red Sea. La formazione delle risorse umane è una componente fondamentale dell’iniziativa che mira a rafforzare le capacità del personale sanitario esistente e a contribuire alla formazione di nuove risorse, mediante l’assistenza alle strutture educative e formative. A Kassala, ma anche negli altri due stati orientali, la Cooperazione Italiana sostiene l’Accademia (Academy of Health Sciences) e l’istituto di formazione continua (Continuous Professional Development) non solo attraverso il programma europeo, ma anche con altre iniziative di supporto alla salute primaria, con lo scopo di migliorare l’erogazione di servizi essenziali soprattutto nel settore materno infantile. In passato con il progetto di Sostegno allo Sviluppo del Sistema Sanitario a Kassala e Red Sea sono stati forniti alcuni volumi per la biblioteca dell’Accademia ed è stato attrezzato il laboratorio di analisi per le esercitazioni tecniche. Inoltre, nell’ambito della stessa iniziativa, le scuole per ostetriche di Aroma e New Halfa hanno ricevuto attrezzature e arredamenti e 40 allieve hanno potuto usufruire di una borsa di studio. Lo staff italiano lavora per la popolazione sudanese cercando di rispondere in maniera immediata ed efficace ai bisogni primari, e allo stesso tempo puntando a investire nelle capacità delle persone di poter fare la differenza e apportare un valore aggiunto alle strutture sanitarie nella propria città o nel proprio villaggio.

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese, Arabo

Archivio
Questo articolo è stato pubblicato in News.