Emergenza malnutrizione in Sudan Orientale

IMG_0407La Cooperazione Italiana risponde all’emergenza malnutrizione in Sudan Orientale con un contributo a UNICEF di 500.000 Euro. Due milioni di bambini hanno bisogno urgente di trattamenti che possono salvare loro la vita. Grazie ai fondi del Governo italiano, UNICEF e il Ministero della Sanità sudanese saranno in grado di garantire trattamenti e nutrizione terapeutica a 8.800 bambini che soffrono di malnutrizione acuta in sei località negli stati di Kassala e Red Sea. UNICEF formerà inoltre 80 unità di personale sanitario e 180 membri di comunità per la diagnosi e il trattamento della malnutrizione acuta. “L’Italia si impegna a rispondere a questa emergenza che mette in pericolo di vita i più indifesi e vulnerabili tra la popolazione. La salute infantile è una delle nostre priorità di intervento in Sudan Orientale e la nostra collaborazione con UNICEF rafforzerà le operazioni sul campo e migliorerà le condizioni di vita di migliaia di bambini”, ha affermato Sua Eccellenza, l’Ambasciatore Armando Barucco. Il Rappresentante di UNICEF, Geert Cappelaere, ha sottolineato che il Sudan continua a essere uno dei paesi con forti criticità per l’infanzia: circa 4 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza umanitaria. “Il sostegno della Cooperazione Italiana, ha aggiunto Cappelaere, darà un contributo cruciale ai nostri sforzi per combattere la malnutrione in Sudan”.

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese, Arabo

Archivio
Questo articolo è stato pubblicato in News.